TheProteinWay

 

Il cibo è un piacere per tutti. Primo riferimento per le nostre emozioni, delusioni o aspettative di futuro. Tutti ci rivolgiamo al cibo.

Occorre trovare, più che una dieta, uno stile, coerente e funzionale al nostro stile di vita”

EA7449E1-F0EB-4FA7-93EC-EBEDBFA551B0

Quando incontro persone che mi chiedono una dieta generica, se non hanno allergie e vengono da una alimentazione tradizionale, consiglio cose semplici.
Invece che dare indicazioni sulle quantità (essendo ogni persona un caso a sè), dico di mangiare a sazietà e con gusto, ma di evitare alcuni cibi e preferire alcuni abbinamenti, affinché ognuno possa regolarsi in base al proprio metabolismo.

1. Eliminare il lievito, quindi la maggior parte dei prodotti da forno e da pasticceria e limitare il glutine, quindi molti prodotti con farina di grano tenero e limitare i cereali in generale a favore delle proteine, che non sono mai abbastanza;
2. Fare due pasti principali, colazione e cena, con spuntini fra i due;
3. Limitare ad un giorno alla settimana la voglia di: pasta, pane, pizza, formaggi, pomodoro, risotti e piatti tradizionali, alcolici vari;
4. Dolcificare con miele.
5. Olio per condimento: girasole e cocco sempre bene, un cucchiaio per volta.
6. Bere al massimo due bicchieri di qualunque cosa a pasto.
Meglio una porzione di patate che una pizza.
Meglio una porzione di patate che una di pane. Tutti cibi che si possono anche portare in ufficio.

Colazione
Colazione salata: uovo sodo e succo di mela con caffè; uova strapazzate con salmone o bresaola;
Colazione dolce con frutta: frutta di stagione (banana va sempre bene) e mandorle/arachidi con caffè;
Colazione dolce con cacao: mandorle/cocco/arachidi con miele e cacao amaro in polvere, caffè o caffelatte con cacao (latte a scelta ma solo un bicchiere).

Cena
Cena con proteine da pesce: pesce azzurro a scelta e purea di patate o legumi.
Insaporire con semi di sesamo e misto semi.

Cena con proteine miste: purea di legumi, uova sode, pesci (anche calamari), patate in padella o al forno o fritte.
Insaporire con curry o paprika.

Cena con proteine da cane rossa selezionata: carne bovina di manzo adulto (hamburger o bistecca o fracosta o filetto) con patate e purea di legumi (ceci sempre ok). No pollo, maiale, cinghiale, coniglio, tranne prosciutto crudo dolce stagionato.
Insaporire con paprika e coriandolo.

Contorno vegetale: cavolfiore, melone bianco e cetriolo sempre ok crudi con limone e pepe. Cavolfiore anche lesso.
Salsa di prezzemolo, basilico, spinaci, sedano, rucola e limone crudi sempre bene. Rosmarino e aglio sempre bene.
Salsa di avocado, lime. mais e peperoncino.
Concentrato di pomodoro o pomodori secchi non salati sempre bene.
No minestrone. No pomodoro. No insalata. Una sola verdura, per volta al massimo due o tre.

Cottura: scottatura su piastra, in padella con coperchio e vapore, forno, brace senza aggiunta di olio, con il grasso del pesce o della carne stessa. No bollitura. No microonde. Olio solo per condimento a freddo, un cucchiaio per volta o per frittura leggera e veloce. Solo un cucchiaio.
No polpettoni, no piatti riscaldati, no doppie cotture.

Bevande
Sostituzione vino rosso: acqua bicarbonata (Uliveto) e succo di melograno;
Sostituzione vino bianco: acqua bicarbonata e succo di mela;
Sostituzione birra: acqua bicarbonata e fette di zenzero fresco, pepe.
Sostituzione cocktails (mojito, gin fizz): acqua uliveto, succo di limone/lime, sciroppo d’acero/miele di castagno, foglie di menta/zenzero a fette/bacche di ginepro e coriandolo tritate. Ghiaccio.

Altre bevande: Monster rehab, Coca Cola Zero, altri energy drink sgassati o diluiti con acqua naturale. MGKVis, varie formule, con acqua naturale. Bolero, vari gusti, con acqua naturale, shakerato o uliveto. Caffè caldo lungo o shakerato freddo. Caffè d’orzo solubile. Tè, nero o verde, solo se da foglia intera.

Centrifugato: finocchio e mela verde con zenzero, ananas e carote con zenzero, melone bianco e cocco, anguria e cetriolo.

Spremuta: di pompelmo/agrumi con curcuma e pepe. Melagrana e uva.

Frullato: banana o pera con latte, mandorle e miele. Cioccolato solo fondente e senza nocciole.
Fragola, mela rossa, crema di yoghurt, semi di lino.

Spuntini fra i pasti:
mandorle/arachidi/cocco/noci/pistacchi, frutta fresca, Coca Cola Zero, Energy drink, caffè. No nocciole. No Macedonia. Un solo tipo di frutto al giorno, al massimo due.

Giornate di digiuno:
Due-tre giorni a base di bevande energetiche/centrifugati/frutta fresca di stagione e, a scelta, uova sode o mandorle/arachidi/cocco.

Strategia per controllo dilatazione stomaco e respirazione:
Indossare una cintura stretta. Raddrizzare spesso le spalle. Mangiare con le spalle dritte ed il petto in fuori. Portare il cibo alla bocca. Non piegarsi mai verso il cibo, nemmeno per recuperarlo: lasciarlo cadere dalla forchetta e raccoglierlo successivamente. Mangiare il meno possibile con le mani. Solo hamburger/panini, patatine fritte, cozze, vongole, pizza secca/croccante. Se possibile mangiare anche la pizza con le posate. Bere il meno possibile con la cannuccia. La cannuccia comporta un parziale apprezzamento della bevanda e porta ad un maggiore consumo. Non bere nulla a collo se non strettamente necessario. Bere a collo, come con la cannuccia, induce a bere di più, questioni di igiene o di educazione a parte.

Ecco uno schema alimentare semplice che tutti possono adattare al proprio caso, facendo le necessarie eccezioni o personalizzazioni. Ulteriori specifiche sono per casi specifici. Nessuna indicazione di quantità: ognuno di regola in base alla sazietà.

A chi fa palestra o sport ho poco da dire, visto che sicuramente è controllato e informato. Sicuramente aggiungerei avena alla colazione e suggerisco di sostituire il latte con buone proteine da siero di latte, di scegliere un valido preworkout per fare sport anche a stomaco vuoto, e di non fare sport per poter mangiare di più, ma di fare sport per stare in forma ed essere più belli o più performanti. Nulla di più sbagliato che fare sport per poter bere o mangiare. Mangiare non deve essere un obiettivo, ma può addirittura essere un modo per curarsi.

Da chef, Bartender, golosa e viziosa, ma anche da sportiva, dopo aver faticosamente negoziato il mio rapporto col cibo ed il corpo, a maggior ragione sostengo che non bisogna vivere per mangiare, anche quando mangiare è un vero piacere, perché mangiare è prima di tutto un bisogno essenziale, bisogno del corpo e della psiche. La nutrizione e le regole per il corpo, il gusto e le ricette stuzzicanti per la psiche e la socialità.

Il primo libro era sotto forma di appunti narrativi, il nuovo libro avrà un approfondimento specifico sul tema nutrizione ed è in inglese. Strumento utile per tutti coloro che vogliono leggere qualcosa di stimolante senza affidarsi ad uno specialista per il potenziamento della loro vita.

Riporto alcuni appunti per una conferenza di una decina di anni fa a titolo curricolare. Sono sempre stata nel settore.

 

Annunci