Annunci

Five Senses

Luxury is within details for enhanced utility from HIIN (high intense intelligence needs).” Ipse dixit for A’Design Award

I sensi sono cinque e la stimolazione del corpo avvine attraverso tutti e cinque, da saper sapientemente dosare. I tempi di conoscenza del corpo non coincidono con quelli della mente. Studiare il corpo non è come studiare una pagina di un qualsiasi libro. Per questo, infatti, si sono create divisioni fra lavori intellettuali e manuali e la specializzazione del mondo contemporaneo può far prevalere l’uno sull’altro.

Da sportiva, ho oggi un consumo bassissimo di alcol, avendolo avuto più alto in passato, quando la mia vita sociale passava prevalentemente da un brindisi a un altro e la relazione intima iniziava quasi sempre a tavola.

Svilupperò un percorso attraverso i cinque sensi. In questo momento ospito le ricette dei cocktail creati da me dopo un corso da bartender così come ospito in tutto il mio sito ricette per sportivi. Il tema dell’alcol e della salute è stato sfiorato in un articolo, ma tornerò con approfondimenti sull’alcol e lo sport, la vita sociale, quindi la sessualità.

IL GUSTO – SPIRITS & WINES

Da sempre amante dei sapori e dei profumi, cresciuta in una terra con grande tradizione enogastronomica, nipote di un produttore di lambrusco e moscato in terre modenesi e figlia di un produttore, per passione, di nocino, amante dell’aceto balsamico, ho allenato l’olfatto ed il gusto fin dall’infanzia.

Ricordo il primo bicchiere di vino forse all’età di 7 anni. Non ricordo quando, esattamente, ho bevuto il primo cocktail, probabilmente come aperitivo ad uno dei tanti matrimoni. Ho bevuto il primo whisky (torbato) con ghiaccio a parte all’università, con un amico, in una serata di riflessioni più o meno esistenziali sulla vita.

Da sempre apprezzo la lavorazione e la mixology. Il vin brulè è forse il primo contatto che ho avuto con l’elaborazione di un “alcolico”. Da adolescente ho iniziato a frequentare eventi, apprezzando la vocazione socializzante dei cocktail che ben si prestano ai locali serali in cerca di leggerezza e spensieratezza, trasportati da luci e onde sonore. Nei fine settimana ho lavorato in qualche locale e sperimentato la caffetteria. La scorsa estate ho deciso di frequentare un corso professionalizzante presso la European Bartender School.

Sono un’artista a tutto tondo ed esprimo la mia creatività in tutti e cinque i sensi.

Degustare, apprezzare, individuare le differenze è quella prima fase analitica, che mi permette poi di creare e costruire. Dei cocktail amo la costruzione del gusto, la gestualità e scenografia connesse e le emozioni generate. Amo anche il bancone, gli aperitivi spensierati in vacanza o defatiganti fuori dall’ufficio, le ore piccole, le confidenze fatte a tarda notte.  I cocktail, tramite il gusto, risvegliano emozioni profonde, stimolano la fantasia, liberano pulsioni e passioni, rappresentano momenti di libera espressione e riconciliazione dell’anima, soprattutto se accompagnati da ottima musica in un ambiente cutato nei dettagli.

Qui di seguito i miei cocktail a vocazione “glocal”.

Molinari Neige (my personal creation, submitted to Bartendency)

  • Sambuca Molinari Extra: 0,5
  • Wild Turkey or other comfortable whiskey: 2 OZ
  • Vanilla Ice cream: 3 balls
  • Coffee Powder: wide spread

Method: dry shake, shake and fine strain Garnish: coffe powder

Bitter Redbull Energy Drink (my personal creation)

For all those ones who claim the excessive sweetness of Redbull, you can follow my recipe hereunder to enjoy a bitter version. EASY and FAST for any bartender in any disco:
  • 1/3 di Campari
  • 1/3 di Rhum Bianco
  • 1/3 di Redbull
Cubed ice and cherry
Printemps (my personal creation, submitted to A’Design)
  • 2/3 Prosecco (brut, dry, extra dry)
  • 1/3  St.Germain
  • Pomegranate grains
  • 1/2 OZ pomegranate or rose liqueur (depending on the Prosecco sweetness)

Amanda for Ladies (my personal creation, submitted to A’Design)

  • 1 1/2 OZ GIN (better Hendrick’s, Geranium or Bordiga)
  • 1/4 Campari
  • 1/2 Cointreau
  • 1 1/2 pomegranate fresh juice
  • Amanda for Gentlemen

Amanda for Gentlemen (my personal creation, submitted to A’Design)

  • 1 1/2 OZ GIN (better Hendrick’s, Geranium or Bordiga)
  • 1/4 Campari
  • 1/2 Grand Marnier
  • 1 1/2 pomegranate fresh juice

Balsamic Healing (my personal creation, submitted to A’Design)

  • Glass : chilled glass cocktail, Method : Shake and fine strain and sink, no ice.
  • Cognac : 1 1/2 oz
  • Cointreau : ½ oz
  • Whipped Cream or Vanilla Ice Cream : 1 ½
  • Balsamic Vingar aged at least 7 years : ½ or ¾ at the barman and client discretion

This cocktail uses luxury ingredients, first of all Basamic vinegar, combined in refined unique way.

Wild Cinnamon (my personal creation, submitted to A’Design)

Glass : Lowball or rocks, Method : build and stir

  • Cinnamon Liqueur (from Frosinone) : ¾ oz
  • Cointreau : ¼ oz
  • Bourbon : 1 1/2 oz

Garnish: Orange slice with cinnamon steak and cloves (chiodi di garofano)

Dulcet Hills (my personal creation, submitted to A’Design)

Glass : Lowball or rocks, Method : build and stir slowly

  • Nocino (walnuts liqueur from Reggio Emilia/Modena better the cloves and cinnamon flavoured version) : ¾ oz
  • Gran Marnier : ¼ oz
  • Bourbon : 1 1/2 oz

Garnish : Orange slice with cinnamon steak and cloves (chiodi di garofano)

COCOMERO AND CUCUMBER (my personal summer creation to refresh taste)

  • Water melon (cocomero) and cucumber (cetriolo)
  • St. Germain: 1 OZ
  • Vodka: 3/4 OZ

Fra i cocktailbar che segnalo nei miei viaggi, ecco la mia lista in continuo aggiornamento:

Roma:

Jerry Thomas, Argot, Nur Bar, Zuma, TheRaceClub, Rosso, …

Trieste:

Antico Caffè Torinese,

Milano: i locali sono davvero troppi nella “Milano da bere”, la città in cui la cultura dell’aperitivo è una delle economie della città. A Milano, quasi ovunque vi troverete bene.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Annunci
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: