Genitori venditori

Cara Madre, ecco cosa penso:

tu hai comprato il posto in cui vivo, ma non ti sei intestata le bollette. Devi pagarle tu. Non posso fare la doccia fredda. Non posso ammalarmi per colpa tua. Sbrigati a fare il subentro e a intestarti le bollette. Se vuoi faccio la pratica per te. Ti consiglio ACEA versione online. La attivo io. Mi serve il tuo IBaN.

Mi devi cambiare la porta: mi serve una porta seria e mi devi mettere la sorveglianza Verisure per soli 500 euro in promozione. Mi devi anche sistemare il cancello del giardino per evitare che la gente scavalchi e venga a fare quello che le pare. Visto che hai deciso di comprarmi un magazzino seminterrato invece che un appartamento serio, sei pregata di fare i lavori necessari. Io non lo avrei mai comprato questo buco di periferia. Non ho finito: serve che tu mi compri la lavatrice e il forno. Della lavastoviglie faccio a meno, essendo da sola. Serve anche che mi metti gli infissi in legno, che questi sono quelli industriali non traspiranti. Inoltre mi serve il parquet in sala per fare allenamento, che sulle piastrelle non va bene. Una volta ristrutturato, si può anche rivendere. Ovviamente serve una rinfrescata alle pareti. Prima di fare altre cazzate con i soldi, parla con me. Posso rinunciare al parquet, ma il resto è necessario. Io non avrei mai comprato un buco sotto terra con il bagno cieco in cui non gira l’aria la roba ammuffisce per l’umidita. Se apri il mobile cucina, va a male la roba per l’umidita. Ci sono andata ad abitare solo perché stavo tutto il giorno fuori di casa e poi il tempo è volato. Adesso la cosa urgente è ridarmi la luce, poi il resto si aggiusta, trattandosi di soldi. Si può affittare come bed&breakfast se me ne vado io, oppure si può dare a studenti universitari, ma in ogni caso serve fare lavori. Serve anche aggiungere una inferriata!!

Per il resto, mi hai messa all’asta con tutto il mio patrimonio intellettuale e immobiliare?

Sei una sfigata: hai sicuramente pagato la casa più del suo valore e non hai fatto i lavori che andavano fatti, fra cui mettere una porta blindata seria e imporre alla palazzina un videocitofono. Hai messo sotto controllo la mia posta. Cosa pensi di fare? Stai solo creando problemi. Sei la solita squilibrata che pensa di fare affari e invece fa danni.

Se avessi voluto fare un investimento sarebbe bastato tu mi dicessi che volevi comprare casa ed io ne avrei scelta una bella come la villetta che ti avevo proposto tre anni fa.

Avere un genitore come te è un vero handicap.

Cosa intendi fare? Ti devi intestare la bolletta , così se me ne vado e vuoi subaffittare, te la vedi col proprietario come hai già fatto alle mie spalle. Ti prenderà in giro come ha già fatto di sicuro, ma tu provi piacere a farti prendere in giro dagli sconosciuti maschi. L’unica persona di cui ti saresti potuta fidare ero io.

Quanto lo hai pagato questo sgabuzzino? Spero non più di 40 mila euro.  In ogni caso, devi infestarti la bolletta e farmi mettere la porta blindata, il video citofono. Hai comprato almeno anche il garage? O ti sei limitata al buco di 48 metri con bagno cieco?

Hai per caso fatto accordi anche con la Martines? La signorotta come te? Ragionate nello stesso modo, due stronze tirchie che mettono sotto i mariti. Non mi stupirei di nulla.  Se hai fatto tutto questo, perché non dirmelo? Che problemi hai, a parte essere una pazza frustata invidiosa della bella figlia?

Fammi sapere,  squilibrata! Mandami tutte le carte, scema! Che qui se ne approfittano subito. Magari io me ne vado e il vecchio proprietario usa l’appartamento come pied a terre mentre non ci sono! In questo buco mafioso in cui tutti sanno come ti muovi! Cretina!

E impara a scrivere messaggi con il cellulare! Evita di dover dettare a mio padre! Sii autonoma, scema!

 

Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.