Cynar Night – Serata Carciofo

Il carciofo è una verdura stagionale diuretica e disintossicante consigliata in tutte le diete. Io ne faccio poco uso per due motivi: richiede molta lavorazione, assorbe molto olio in cottura ed è amaro. Consente poche lavorazioni.

Stasera me ne sono occupata ed ho organizzato una serata a tema. Per mantenermi rispettosa delle ricette per sportivi, ho fatto le mie solite varianti sulle ricette tradizionali Italiane romanesco-giudaiche.

  • Dopo averlo lasciato in acqua e limone per un giorno, come mi ha spiegato la madre romana di una mia amica,
  • l’ho pulito e stufato.
  • Ho poi preso le foglie più grosse e le ho messe sulla mia solita piastra ad arrostire
  • con una base di crema di quinoa (che sapete essere proteica); e
  • uova di quaglia, ideali perché piu piccole e delicate nel sapore.

Il tutto su un letto di fiocchi di avena ed insaporito con sale alle erbe. A pinch of grated nutmeg instead of pepper.

Ho usato l’olio di arachidi, non quello di oliva. L’olio entra vergine di oliva, anche il più morbido e dolce, oltre a non essere ideale per friggere e soffriggere, ha un gusto molto forte e sta bene a crudo su alimenti al limite dell’insipido, per esempio in degustazione su pane arabo senza sale, focaccia al rosmarino, orata al vapore, calamaro alla piastra con pepe. Per le altre lavorazioni, ho imparato ad apprezzare oli più morbidi come quello di arachidi per la frittura e quello di semi di lino e di zucca o sesamo per il crudo.

Ridendo e scherzando il risultato è stato gratificante sia al palato che alla vista. Una specie di “cappa Santa” con la foglia di carciofo al posto della conchiglia, la purea di quinoa e l’uovo di quaglia.

Ho poi mangiato le foglie dure, quelle che di solito si mangiano con le mani, come se fossero pesce. Si, ho spolpato le foglie di carciofo come spolpo il pesce.

Non sopporto mangiare con le mani. Non mi piace proprio. L’ho fatto anche io per tanto tempo, perché mi hanno ripetuto fin da piccola che “anche la regina Margherita mangia il pollo con le dita”.

Che noia! Queste dita imbrattate senza bisogno!

Io con le dita mangio solo le patatine fritte ed i pop corn quelle poche volte in cui li mangio. Anche la frutta secca e la frutta (non tutta, perché per esempio mangio il kiwi con il cucchiaio). Anche il panino, le rare volte in cui lo mangio. Basta. Negli anni ho imparato ad usare le posate come bisturi e mi diverto pure.

Per finire, ho preparato un digestivo azzeccatissimo:

  • Un limone spremuto;
  • Una dose di amaro di carciofo;
  • Qualche seme di Papaya;
  • Coca Cola Zero con stevia.

La Coca Cola Zero con Stevia sta benissimo col carciofo. Ha un certo retrogusto alle erbe che la rende meno dolce di quella tradizionale e più adatta al pasto con verdure. Probabilmente starebbe molto bene anche con il bergamotto, ma non lo avevo per provare. Next time!

Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.