Passeggiata a Capri, terrazza con vista

Una mia cara amica straniera, conosciuta per presentazione del parrucchiere come nella trama di un film, da qualche tempo fa la wedding planner per stranieri in Italia e mi chiama per fare da testimone alle romanticissime coppie. La volta scorsa Tivoli e Villa d’Este, questa volta Capri ed Anacapri, con passaggio da Napoli. 

Ogni volta che questa mia amica mi chiama, concilio il lavoro con un po’ di turismo.

A Capri non c’ero ancora stata. Che dire? Tutta natura, un piccolo paradiso pieno di fiori e cedri giganti, con colline a strapiombo sul mare in cui il tempo sembra si sia fermato. Credo che agli stranieri piaccia tanto proprio per questo. Un paradiso, per staccare da mondi in cui tutto funziona forse a volte troppo bene ed i ritmi sono sempre in accelerazione.

È il luogo in cui volersi perdere fra stradine, saliscendi, maioliche del 1700, profumi di spezie, negozi artigianali, viste infinite sul mare, fiori. Mi ha fatto sorridere una piastrella decorata con divieto per i bambini di giocare a calcio in piazza, la piazza della scuola materna e della chiesa. Si respira l’aria di quella Italia che ci è stata tramandata da film come “Ritorna a settembre”.

​​​La natura qui sembra crescere in modo incredibile. Ho visto piante secolari ergersi elegantemente nei giardini privati o sulla strada. Fiori ovunque. Menu a base di pesce. Segnalo un calamaro ripieno di provola e friarelli di tradizione napoletana. Selezione di vini locali, Falanghina ed Aglianico, e del Nord, Franciacorta e Astoria.

Autobus colorati, piccolissimi, per affrontare tornanti in salita a 360, con lo strapiombo. Mi sono affacciata: da un lato la collina, dall’altro lo strapiombo sul mare. È un’isola da barca o da passeggiatori. Con le infradito si sta benissimo. Il wi-fi funziona, ma non si viene qui per stare al pc. 

Fra tanta arte perlopiu murale e ceramica, stile napoletano del 1700, con tratti decorativi tipici misto antologico e bucolico fra il dantesco e l’arabeggiante, mi sono imbattuta in una straordinaria galleria d’arte contemporanea, la Liquidart, che invito a visitare. Uno squarcio di pura modernità in tanta tradizione. Un open space di vetrate con opere selezionate da una mente che davvero comprende cosa voglia dire essere artisti nell’era contemporanea. Scultura, pittura, installazioni, artisti locali e internazionali scelti fra il loro dialogo con la metafisica e la loro visione dell’uomo contemporaneo. La descrizione delle opere la lascio ai video ed alle foto. 

La mia trasferta è quasi finita. Ho visitato tutto, ma l’atmosfera si è fatta percepire. Sto scrivendo da un terrazzo con vista sul mare, uccellini, erbe aromatiche, palme e fiori intorno a me. Farò presto l’esperienza del taxi, che qui sono cabrio, mi sono comprata un cappello di paglia e tornerò all’aliscafo verso Napoli. Segnalo che l’aliscafo può dare fastidio allo stomaco. A Napoli, forse, dedicherò un po’ più di tempo alla stazione metro di Garibaldi, interessante opera architettonica, degna di foto come altre opere infrastrutturali sue colleghe.

Faccio upload di qualche scatto mentre mi godo gli ultimi minuti su questo “terrazzo con vista”. Credo faccia la differenza, su questa incantevole isoletta, scelta da attori e cinematografi, un albergo dotato di una bella terrazza con vista.

Annunci

2 pensieri su “Passeggiata a Capri, terrazza con vista

  1. amleta ha detto:

    E’ un posto piccolo o c’è tanto da girare? ancora non ho deciso per le vacanze di luglio e non so se andare all’estero o rimanere in italia. E’ un posto affollato, con tanta gente, o tranquillo?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.